Osteopatia
Osteopatia

Osteopatia non significa "malattia delle ossa" come molti potrebbero pensare ma è frutto dell’unione di due parole greche : "osteon" che significa osso, e "pathia". alterazione.
Tali termini furono scelti da Andrew Taylor Still per definire la sua arte, enfatizzando il fatto che alla base dello stato di salute vi è un corretto e funzionale sistema muscolo scheletrico e ogni sua perturbazione segna il primo passo verso la malattia.

Still (1828-1917), un medico statunitense, scoprì i principi dell’osteopatia dopo un lungo periodo (quasi 20 anni) passato a studiare l’anatomia e la biomeccanica del corpo umano. Egli capì che una diminuzione di mobilità delle strutture corporee (ossa, muscoli, articolazioni, visceri) andava ad influire sul flusso vascolare e sull’innervazione delle strutture stesse, alterandone la funzionalità e predisponendo l’instaurarsi della malattia.

Quindi l’osteopatia è l’arte di ricercare le diminuzioni di mobilità nei vari segmenti corporei e di correggerle attraverso la manipolazione. Riequilibrando il corpo nella sua interezza, essa permette all’organismo di reagire alla malattia attraverso meccanismi di autoregolazione.

Approccio osteopatico
Uno degli assiomi fondamentali dell’osteopatia afferma che la struttura governa la funzione.
Scopo dell’osteopatia è quello di correggere la struttura per ripristinare un armonica funzione.
Questo concetto deve essere applicato ad ogni sistema corporeo sia esso muscoloscheletrico, fasciale, viscerale e craniosacrale. Per rispondere a questa esigenza è stata sviluppata una serie di tecniche che schematicamente si possono dividere in:

- STRUTTURALI: volte ad armonizzare la struttura muscoloscheletrica (ossa, muscoli, articolazioni).
- FASCIALI: si indirizzano a normalizzare la fascia (per fascia si intende l’insieme di varie strutture connettivali quali ;tendini, guaine tendinee, aponeurosi, pleure, pericardio, peritoneo...).
- VISCERALI: tendono a risolvere le tensioni viscerali.
- CRANIOSACRALI: si basano sul concetto di mobilità delle ossa craniche sia nel neonato che nell’adulto e tendono a ripristinare una fisiologica mobilità all’interno del sistema craniosacrale.

È opportuno ricordare che tali tecniche fanno parte di un unico approccio(quello osteopatico) all’interno del quale vengono variamente sviluppate in base alle necessità del caso clinico.
Il trattamento osteopatico è sempre preceduto da tre fasi:

- ANAMNESI (raccolta dei dati in merito alla "storia" patologica prossima e remota del paziente);
- OSSERVAZIONE (l’osteopata osserva come il paziente si muove e si colloca nello spazio;
- PALPAZIONE (l’osteopata esegue un esame manuale dei vari distretti corporei per ricercare le diminuzioni di mobilità da correggere durante il trattamento);

Campi di applicazione.
L’osteopatia ha come principale indicazione le affezioni dolorose del sistema muscolo-scheletrico e in particolare della colonna vertebrale. È quindi indicata nei casi di lombalgia, cervicalgia, colpi di frusta , problematiche discali, dolori articolari. È inoltre di valido aiuto in vari problemi viscerali quali: gastriti, rigurgito gastroesofageo, ernia iatale, colon irritabile, stipsi.

È efficace nei casi di cefalea, insonnia, disturbi dell’equilibrio e nelle affezioni congestizie quali otiti, riniti, sinusiti. Un capitolo a parte è quello dell’osteopatia pediatrica in cui con delicate tecniche manipolative craniali o fasciali, si vanno a correggere nel bambino le disfunzioni spesso determinate dal parto. Infatti le pressioni a cui è soggetto il neonato durante il parto possono mandare in disfunzione il sistema craniosacrale o causare la compressione di alcuni nervi cranici determinando nel bambino ipercinesia, insonnia o rigurgito. Queste alterazioni possono essere validamente risolte dal trattamento osteopatico.

Formazione dell’osteopata
In America dove l’osteopatia è nata, la figura dell’osteopata coincide con quella del medico di base, ed ha un iter formativo di tipo universitario.
In Italia la formazione dell’osteopata è affidata a varie scuole private sia a tempo parziale (corsi svolti in maniera intensiva per medici e fisioterapisti).sia a tempo pieno (corsi svolti in maniera estensiva e con obbligo di frequenza per studenti in possesso di un diploma di scuola media superiore). La prima scuola a tempo pieno in Italia è stata l’Istituto Superiore di Osteopatia di Milano. Tale istituto, attualmente riconosciuto dall’università inglese del Galles e dal R.O.I (Registro Osteopati Italiani) rilascia il titolo di D.O.

Il D.O presso l’ISO. è ottenuto dagli studenti che hanno superato con esito positivo tutti gli esami di un corso di studi che si articola in 5 anni e si conclude con la discussione della tesi e l’esame clinico esterno (che corrisponde ad un esame di abilitazione.).
I primi due anni del corso sono principalmente dedicati allo studio delle materie scientifiche di base(chimica, biochimica ,biofisica ,biologia.e soprattutto anatomia e biomeccanica),alle quali si affianca l’insegnamento delle discipline strettamente osteopatiche, che dal terzo anno in poi occupano un ruolo preponderante. Gli ultimi due anni sono prevalentemente dedicati al tirocinio pratico svolto nella clinica dell’ISO e alla stesura della tesi.

D.O. Furiassi Francesco
D.O. Fillippini Federico


Tariffe D.O. Furiassi

Visita
€ 60
Trattamento
€ 50


Tariffe D.O. Filippini

Visita
€ 72
Trattamento
€ 62


Per info e prenotazioni
☏ 0721 65905
✉ centromedico@sssd.it

LE NOSTRE SPECIALITÀ

Un servizio per ogni esigenza

Agopuntura
Agopuntura
Cardiologia
Cardiologia
Chirurgia
Chirurgia
Dermatologia
Dermatologia
Endocrinologia
Endocrinologia
Fisioterapia
Fisioterapia
Gastroenterologia
Gastroenterologia
Gastroenterologia Pediatrica
Gastroenterologia Pediatrica
Ginecologia
Ginecologia
Medicina Estetica
Medicina Estetica
Medicina Interna
Medicina Interna
Nefrologia
Nefrologia
Nutrizione
Nutrizione
Odontoiatria
Odontoiatria
Omeopatia
Omeopatia
Ortopedia
Ortopedia
Osteopatia
Osteopatia
Otorinolaringoiatria
Otorinolaringoiatria
Pneumologia
Pneumologia
Podologia
Podologia
Proctologia
Proctologia
Psicologia
Psicologia
Servizio Ecografico
Servizio Ecografico
Urologia
Urologia